Image by NASA

MEDITAZIONE

Cosa succede nel tuo cervello quando mediti

  Utilizzando la tecnologia moderna come le scansioni fMRI, gli scienziati hanno sviluppato una comprensione più approfondita di ciò che sta accadendo nel nostro cervello quando meditiamo. La differenza generale è che il nostro cervello smette di elaborare le informazioni attivamente come farebbe normalmente. Iniziamo a mostrare una diminuzione delle onde beta, che indicano che il nostro cervello sta elaborando informazioni, anche dopo una singola sessione di meditazione di 20 minuti, se non l'abbiamo mai provata prima.

Nell'immagine qui sotto puoi vedere come le onde beta (mostrate in colori vivaci a sinistra) si riducono drasticamente durante la meditazione (a destra).

 

Di seguito è riportato ciò che accade in ciascuna parte del cervello durante la meditazione:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lobo frontale


Questa è la parte più evoluta del cervello, responsabile del ragionamento, della pianificazione, delle emozioni e della consapevolezza di sé. Durante la meditazione, la corteccia frontale tende ad andare offline.

Lobo parietale


Questa parte del cervello elabora le informazioni sensoriali sul mondo circostante, orientandoti nel tempo e nello spazio. Durante la meditazione, l'attività nel lobo parietale rallenta.

talamo


Il guardiano dei sensi, questo organo focalizza la tua attenzione incanalando alcuni dati sensoriali più in profondità nel cervello e bloccando altri segnali nelle loro tracce. La meditazione riduce il flusso di informazioni in arrivo a un filo.

Formazione reticolare


Come sentinella del cervello, questa struttura riceve gli stimoli in arrivo e mette il cervello in allerta, pronto a rispondere. La meditazione riduce il segnale di eccitazione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


In che modo la meditazione ti influenza

Ora che sappiamo cosa sta succedendo nel nostro cervello, diamo un'occhiata alla ricerca sui modi in cui influisce effettivamente sulla nostra salute in modi che possiamo sentire e vedere. 


Migliore concentrazione

Poiché la meditazione è una pratica per focalizzare la nostra attenzione ed essere consapevoli di quando va alla deriva, questo in realtà migliora la nostra concentrazione anche quando non stiamo meditando. È un effetto duraturo che deriva da periodi regolari di meditazione.

Meno ansia

Questo punto è piuttosto tecnico, ma è davvero interessante. Più meditiamo, meno ansia abbiamo, e si scopre che questo è perché in realtà stiamo allentando le connessioni di particolari percorsi neurali. Questo suona male, ma non lo è.
Quello che succede senza la meditazione è che c'è una sezione del nostro cervello che a volte è chiamata Centro Io (tecnicamente è la corteccia prefrontale mediale). Questa è la parte che elabora le informazioni relative a noi stessi e alle nostre esperienze. Normalmente i percorsi neurali dai centri delle sensazioni corporee e della paura del cervello al Centro Io sono molto forti. Quando provi una sensazione spaventosa o sconvolgente, innesca una forte reazione nel tuo Centro Io, facendoti sentire spaventato e sotto attacco.
Quando meditiamo, indeboliamo questa connessione neurale. Ciò significa che non reagiamo così fortemente alle sensazioni che un tempo avrebbero illuminato i nostri Me Center. Quando indeboliamo questa connessione, rafforziamo contemporaneamente la connessione tra ciò che è noto come il nostro Assessment Center (la parte del nostro cervello nota per il ragionamento) e i nostri centri di sensazione e paura del corpo. Quindi, quando proviamo sensazioni spaventose o sconvolgenti, possiamo guardarle più facilmente in modo razionale. Ecco un bene

esempio:
Ad esempio, quando provi dolore, invece di diventare ansioso e presumere che significhi che qualcosa non va in te, puoi guardare il dolore salire e scendere senza rimanere intrappolato in una storia su cosa potrebbe significare.


Più creatività

  Sfortunatamente, non è la cosa più facile da studiare, ma ci sono alcune ricerche su come la meditazione può influenzare la nostra creatività.
I ricercatori dell'Università di Leiden, nei Paesi Bassi, hanno studiato sia l'attenzione focalizzata che la mediazione con monitoraggio aperto per vedere se ci fosse stato qualche miglioramento nella creatività in seguito. Hanno scoperto che le persone che praticavano la meditazione di attenzione focalizzata non mostravano alcun segno evidente di miglioramento nel compito di creatività dopo la loro meditazione. Per coloro che hanno praticato la meditazione di monitoraggio aperto, tuttavia, hanno ottenuto risultati migliori in un compito che ha chiesto loro di elaborare nuove idee.

 

Più compassione

La ricerca sulla meditazione ha dimostrato che l'empatia e la compassione sono  superiore in coloro che praticano regolarmente la meditazione. Un esperimento ha mostrato ai partecipanti immagini di altre persone che erano buone, cattive o neutre in quella che chiamavano "meditazione della compassione". I partecipanti sono stati in grado di focalizzare la loro attenzione e ridurre le loro reazioni emotive a queste immagini, anche quando non erano in uno stato meditativo. Hanno anche provato più compassione per gli altri quando hanno mostrato immagini inquietanti.
Parte di questo deriva dall'attività nell'amigdala, la parte del cervello che elabora gli stimoli emotivi. Durante la meditazione, questa parte del cervello mostra normalmente una diminuzione dell'attività, ma in questo esperimento è stata eccezionalmente reattiva quando ai partecipanti sono state mostrate immagini di persone.

Un altro studio del 2008 ha scoperto che le persone che meditavano regolarmente avevano livelli di attivazione più forti nelle loro giunture parietali temporali (una parte del cervello legata all'empatia) quando sentivano i suoni delle persone che soffrivano, rispetto a coloro che non meditavano.

 

Memoria migliore

Una delle cose a cui è stata collegata la meditazione è il miglioramento del richiamo rapido della memoria. Catherine Kerr, ricercatrice presso il Martinos Center for Biomedical Imaging e l'Osher Research Center, ha scoperto che le persone che praticavano la meditazione consapevole erano in grado di regolare l'onda cerebrale che scherma le distrazioni e aumentare la loro produttività più rapidamente di quelle che non meditavano. Ha detto che questa capacità di ignorare le distrazioni potrebbe spiegare "la loro capacità superiore di ricordare e incorporare rapidamente nuovi fatti". Questo sembra essere molto simile al potere di essere esposti a nuove situazioni che miglioreranno notevolmente anche la nostra memoria delle cose.

 

Meno stress

È stato dimostrato che la meditazione consapevole aiuta le persone a comportarsi sotto pressione mentre si sentono meno stressate. Uno studio del 2012 ha diviso in tre un gruppo di responsabili delle risorse umane, di cui un terzo ha partecipato a un corso di meditazione consapevole, un altro terzo ha seguito un corso di rilassamento del corpo e l'ultimo terzo non ha ricevuto alcun tipo di formazione. Un test multitasking stressante è stato somministrato a tutti i manager prima e dopo l'esperimento di otto settimane. Nel test finale, il gruppo che aveva partecipato all'allenamento di meditazione ha riportato meno stress durante il test rispetto a entrambi gli altri gruppi.

 

Più materia grigia


La meditazione è stata collegata a maggiori quantità di materia grigia nell'ippocampo e nelle aree frontali del cervello. All'inizio non sapevo cosa significasse, ma si è scoperto che è piuttosto grande. Più materia grigia può portare a emozioni più positive, stabilità emotiva più duratura e maggiore concentrazione durante la vita quotidiana.
È stato anche dimostrato che la meditazione riduce gli effetti legati all'età sulla materia grigia e riduce il declino del nostro funzionamento cognitivo

bay area meditation, corporate and grop meditation
corporate meditation, bay area meditation.
Corporate-meditation-programs

Le parole sono potere! 

Di seguito è riportata un'immagine che descrive l'attività cerebrale e le frequenze fornite con pensieri diversi questo è il modo in cui manifestiamo questo è il modo in cui creiamo con potere e pensiero 

Corporate-meditation-programs

La Fisica del pensiero

passato presente futuro.

Corporate-meditation-programs

Il tuo corpo sulle emozioni

Corporate-meditation-programs